Del

“…era un ragazzo, di media statura; aveva le spalle larghe come un umano ma gli occhi color argento e le pupille a forma di goccia denotavano le sue origini Sideree. A confermare la sua natura le orecchie sfoggiavano un’elegante forma ellittica anche se erano munite dei lobi, seminascosti dai folti capelli castani.” (I Cinque Re, capitolo 6)

Del sitoNato da un padre appartenente alla razza dei Siderei (esseri simili agli uomini, ma dalla pelle luminescente, i capelli di aspetto metallico e gli occhi da gatto) e da una madre umana, Delindiar Farri Telyastah, meglio noto come Del, deve confrontarsi fin dalla tenera età con i pregiudizi degli uomini di Durgal e con quelli ben più pesanti dei suoi parenti Siderei, residenti nella città di Etheleron.

Benché scostato da molti, Del è stato scelto da una Fenice-spirito benigno dai molti poteri- per diventare uno dei quattro Custodi, giovani a cui ha donato una parte delle sue abilità per recarsi nella capitale nemica e riunire le metà del Numansirian, antico corno magico, il cui suono è l’unica forza in grado di evocare un esercito invincibile

La sua forza, il suo coraggio e il suo buon cuore gli sono valsi i poteri di Custode della Vita, che contano fra le altre, l’abilità di percepire e manipolare l’energia vitale di ogni essere vivente, quella di comunicare e farsi obbedire dagli animali, oltre a forza, agilità e sensi sovrumani.

La lealtà e la bellezza che sfoggia gli sono valse le attenzioni della nobile Selda e, prevedibilmente, la gelosia di Redan, con il quale ha un rapporto piuttosto teso.

Il suo cuore tuttavia batte per Enithal, la bella popolana della compagna. Potrà un guerriero impegnato in una missione così rischiosa trovare spazio anche per i sentimenti?

Solo il futuro potrà dircelo…