Le Sette Spade che hanno lasciato il segno nel Fantasy| 3 – Anduril: la spada di Aragorn

Siamo giunti nella top three delle spade fantasy che più hanno lasciato il segno. La spada di cui parleremo oggi, in particolare, ha una stretta parentela con la prima che abbiamo trattato. L’autore che l’ha creata infatti adorava la Saga dei Nibelunghi e ne scrisse persino una sua traduzione personale. Stiamo parlando di Anduril, la spada del re di Gondor.

La fedele spada di Aragorn proviene dalle pagine del Signore degli Anelli ed è anche tra gli articoli più venduti nei negozi di oggettistica fantasy, nonostante il prezzo vertiginoso.

La magnifica spada del re di Gondor è una reliquia dell’isola di Numenor, l’ Atlantide della Terra di Mezzo, citata nel Signore degli Anelli e comparsa in alcune appendici al Silmarillion.

La Lama che fu Spezzata

Spada lunga dalla guardia crociata, appoggiata su un lembo di velluto blu
Anduril, così come viene mostrata nei film di Peter Jackson

Forgiata con il nome di Narsil, la spada leggendaria ha le caratteristiche che si addicono ad un’arma dell’epica: non si consuma nel tempo, non perde l’affilatura, penetra ogni armatura e spezza ogni arma avversaria. Ma quando Elendil, il guerriero che la brandisce, prova a usarla per uccidere Sauron, Signore Oscuro di Mordor, questa si spezza e il suo possessore viene ucciso.

Suona familiare? Già: Tolkien amava la storia di Sigfrido, perciò nell’assegnare una spada alla dinastia dei re di Gondor, volle omaggiare i suoi eroi d’infanzia, prendendo come modello Gram.

I frammenti di una lama in frantumi poggiata su un drappo di velluto blu
Narsil esposta a Gran Burrone nel film di Peter Jackson

La lama spezzata viene poi usata da Isildur per mozzare a Sauron il dito che porta l’Anello del Potere, costringendolo così ad una resa di durata millenaria.

La Fiamma dell’Occidente

Al ritorno di Sauron sulla scena, Aragorn II, l’erede di Isildur, decide di forgiare dai monconi di Narsil una nuova spada, che chiama Anduril (Fiamma dell’Occidente in Elfico).

L’arma, che anche da spezzata non ha mai perso l’affilatura, trapassa anche le spesse armature degli Uruk-hai e diviene un segno di riconoscimento per tutti coloro che considerano Aragorn il legittimo re di Gondor ed Arnor.

Un’importante differenza tra i libri e i film, sta nel momento in cui Aragorn comincia a portare la spada dei suoi antenati: nei libri il guerriero la fa ritemprare volontariamente (proprio come Sigfrido) a Gran Burrone, prima di partire per Mordor, in modo da avere una buona lama per difendere Frodo; nei film invece, la lama viene forgiata da re Elrond solamente nel terzo episodio, quando il re in esilio viene praticamente forzato ad accettare il suo destino.

Un guerriero dai lunghi capelli e gli abiti verdi corre con in mano una spada, seguito da una schiera di spettri
Aragorn guida l’esercito dei Morti nell’adattamento di Peter Jackson

La spada nel film è anche custode della maledizione che lega gli spiriti di alcuni rinnegati, condannati a restare nel mondo come spettri da 3000 anni, e il re di Gondor, che può liberarli dal loro tormento se questi rispetteranno finalmente la loro promessa di aiutare gli uomini di Minas Tirith contro le truppe di Sauron. Un ruolo che nei libri spetta ad una pietra nera proveniente da Numenor.

Qual è la prossima spada in classifica? Continuate a seguirci e lo scoprirete.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...