Focus sui personaggi: Redan

Inutile divagare, tra i personaggi de “I Cinque Re”, lo scalcinato Redan della Strada è senza dubbio il più simpatico. Il suo umorismo è riuscito a salvare la situazione tante volte quante lo hanno fatto i suoi poteri di Custode della Fiamma, perciò ecco qualche rivelazione sul suo sviluppo.

Nascita di un eroe (più o meno)

L’idea di un ladruncolo dal fine umorismo destinato a diventare suo malgrado un eroe, nasce ancor prima della saga de “I Cinque Re“, con il personaggio di Pirot, coprotagonista di un demenziale racconto parodistico nel quale una coppia di sciocchi delinquenti, dopo aver derubato due cavalieri di ventura, Taaron e Faradon (forme embrionali di Taron e Feriadon) finivano per doversi accollare la loro missione, ossia affrontare un misterioso cavaliere con l’hobby del rapimento di donzelle e pochissime remore morali. Redan, non aveva né il suo nome, né il suo aspetto, ma un suo primo embrione era già pronto.

Redan, avvolto da un'iridescenza del colore del fuoco è ritratto accanto ad una Fenice di Fiamme, fonte del suo potere

Redan, Custode della Fiamma – concept di Redan di Federico Cugliari

Benché il terribile componimento abbia presto guadagnato il suo posto d’onore nel cestino della carta (già, era scritto a mano), il personaggio riuscì a sopravvivergli entrando a pieno titolo nel cast della prima stesura de “I Cinque Re”, dove commise il suo primo furto, rubando il nome “Redlan”, poi divenuto Redan, al vecchio mago che in seguito sarebbe stato ribattezzato Lario.

Redan: un ragazzo fedele a sé stesso…

Se è vero che dalla prima stesura ha conosciuto varie modifiche, nei poteri, nel nome della spada e in alcuni tratti della backstory, è forse l’unico personaggio il cui carattere è rimasto invariato: ironico e buffo, ma mai stupido, in grado di cavarsela di fronte alle avversità, ma terrorizzato dalla prospettiva di tornare alla solitudine della strada, abituato a rubare, ma dotato di un’insospettabile generosità.

Redan tiene in mano una Fiamma Oscura, il potere più distruttivo che ha

La Fiamma di Redan può guarire o distruggere, attenti al suo Lahirent! – concept di Redan: Federico Cugliari

… e ai suoi amici

Inizialmente guardato con sospetto e con poca simpatia dagli altri quattro Custodi, Redan ne diviene presto il beniamino, arrivando a strappare occasionalmente un sorriso anche al serioso Del, il Custode della Vita, con il quale ha un rapporto di (iniziale) antipatia reciproca.

La sua amicizia con Selda invece, inizialmente intesa a piantare il seme di un futuro rapporto di coppia tra il ladruncolo e la nobildonna (già, troppo banale!), si è presto tradotta in un raro esempio di amicizia uomo-donna priva di secondi fini, che rimarrà un punto fermo del personaggio in tutti e tre gli episodi, così come il suo legame fraterno con il suo mentore Rentil.

Per saperne di più sul paladino venuto dai bassifondi non vi resta che leggere i primi due episodi de “I Cinque Re“.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...